Il nostro diritto all’antifascismo e all’autodifesa dalle ombre nere.

Nell’articolo del 21 Luglio scorso Dalla parte di Tex Willer, in occasione della presentazione della legge sulla legittima difesa di Matteo Salvini, nella parte dell’articolo sulla riflessione politica e, ponendo anche l’accento sui pericoli che questa legge darà il via libera al tiro al bersaglio sugli immigrati, riproponiamo le quattro domande:

  1. Chi sono i maggior frequentatori di poligoni di tiro oltre alle forze dell’ordine?

  2. Chi ha il mito delle armi?

  3. Chi gira impunito con le armi?

  4. Chi permette l’impunità, come da inchieste, alle organizzazioni neofasciste/ neonaziste in Italia ed all’estero?

Queste associazioni organizzano campi paramilitari con esercitazioni compreso l’uso di armi da guerra.

E come se fosse scatta l’ora X, a poche ore dall’ufficializzazione del testo di legge Salvini, si spara da finestre, terrazze, da macchine e motorini, con fucili ad aria compressa, con piombini, con colpi di pistola contro bersagli umani, caso strano di colore, tanto è vero che non si contano più dal nord al sud Italia le aggressioni armate verso gli immigrati.

Così alla domanda numero 4

La risposta e/o la conferma di quanto sopra, è arrivata tra il 26 ed il 27 Luglio scorso con la scoperta di una Onlus di reclutamento mercenari su scala nazionale, dal Nord al Sud Italia, gestita e costituita da personaggi neofascisti che orbitano tra gruppi Skinhead, Forza Nuova, Casapound e Lega.

Dal tiro all’immigrato, pardon al piccione, questa ormai è la motivazione usata dalla gentaglia che spara alla bimba rom ed ai vari immigrati fatti oggetto/bersaglio nelle gambe, in faccia, allo stomaco e dietro le spalle da colpi provenienti da armi ad aria compressa che da armi da fuoco.

Oltre all’escalation di queste spregevoli azioni squadristiche di stampo razzista, non a caso dopo la presentazione della legge sulla legittima difesa di Salvini, in questi giorni stiamo assistendo a pericolosissimi atteggiamenti ed esternazioni che ci soffermeremo a descrivere in termini cronologici nei primi giorni di Agosto.

Ci limitiamo solo alla descrizione dei fatti che parlano di per sé visto il grado di pericolosità che essi esprimono:

* 29 Luglio: Salvini si esprime con “tanti nemici tanto onore”, caso strano lo stesso giorno, 29 Luglio 1883 in cui nasceva B. Mussolini;

* 2 Agosto a Milano, al grido “Comunista di Merda” due fascisti aggrediscono il giornalista antifascista Nascimbene;

* 3 Agosto il Ministro della Famiglia Fontana chiede l’abolizione della Legge Mancino.

Ma il fatto ancor di più inquietante è quello che è capitato alle tre Antifasciste di Roma a cui è stato notificato un “avviso orale” da parte del questore, previsto dall’art. 3 del Codice Antimafia, riservato a persone socialmente pericolose appartenenti alla delinquenza comune, per aver cantato “Bella Ciao” in occasione di un banchetto di Casapound.

E non abbiamo ancora visto niente!
Cosa ci aspetta per il prossimo futuro?

Commenti

commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.